Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 19/02/2017 - 09:25
sei qui: Home > Life > Curiosità > Pedofili in rete: i pericoli di Facebook

Curiosità Mondo

Pedofili in rete: i pericoli
di Facebook

Un irlandese fa causa al social network

di Redazione Basilicata24

Pedofili in rete: i pericoli <br>di Facebook

Facebook, croce e delizia. In questo caso croce. Il noto social network è finito in tribunale chiamato alla sbarra da un padre preoccupato che le foto della figlia dodicenne possano attirare l'interesse dei pedofili

Secondo l'uomo, come riportato dal Daily Mail, le fotografie esplicite della figlia caricate sulla piazza virtuale hanno esposto la piccola al rischio pedofilia. Nel caso in cui i giudici dessero ragione al padre, i dirigenti del social network dovranno provvedere a un ingente risarcimento. In realtà Facebook richiede, al momento dell’iscrizione, che gli utenti abbiano più di 13 anni, ma non può far altro che fidarsi della dichiarazione di chi usufruisce del servizio. Attualmente, infatti, non esiste un sistema di verifica dell’età.

Una delle foto critiche della giovane è stata tolta, quella in cui si sollevava la maglietta, ma ne rimangono alcune in cui si mostra con il trucco e una maglietta scollata. Del resto si sa che i nostri figli, già da piccolissimi, sono bravi con le nuove tecnologie e quindi in grado di aggirare qualsiasi divieto che la rete, dovesse opporre.L’uomo ha depositato una citazione e cerca di ottenere un’ingiunzione per la chiusura dell’account della figlia da parte del social network. I responsabili, inoltre, dovranno prendere provvedimenti per impedire che la ragazzina si iscriva nuovamente. Se le richieste non verranno accolte, l’uomo cercherà di ottenere un’ingiunzione per fermare definitivamente Facebook nel nord dell’Irlanda. La citazione accusa Facebook di negligenza e di esporre individui vulnerabili al rischio di pericoli fisici e sessuali, riportando i messaggi di natura esplicita ricevuti dalla ragazzina da parte di uomini. Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, a maggio ha sottolineato che la protezione dei bambini “non è ancora una delle priorità del social network, ma un campo da esplorare con calma in futuro“.Ad ogni modo se i giudici accogliessero le richieste di questo padre irlandese si creerebbe un importante precedente legale. 

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2034253/Father-fight-Facebook-court-suggestive-photos-girl-12.html 

 

 

Mar, 06/09/2011 - 16:28
Stampa