Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 29/03/2017 - 19:52
sei qui: Home > Cultura > Scienza e tecnologia > La fusione fredda sembra essere realtà

Scienza e tecnologia Mondo

La fusione fredda sembra essere realtà

L'italiano Andrea Rossi ha sperimentato l'invenzione del secolo

di Redazione Basilicata24

andrea_rossi andrea_rossi

Che cos'è l'E-Cat? È un'invenzione italiana. La sigla sta per catalizzatore di energia ed è il nome commerciale di un dispositivo capace, afferma il suo inventore, Andrea Rossi, di sfruttare un processo chimico-fisico detto di fusione fredda per ottenere energia termica (calore) in quantità centinaia di volte superiore all'energia necessaria a mettere in funzione il "motore" (da 6 a 30 volte con l'E-Cat, secondo Rossi). È il contrario di quanto accade nella natura che vediamo e nella vita quotidiana, dove l'energia spesa per ottenere qualunque cosa (acqua calda dalla caldaia, energia dal cibo, moto dalla bici o dall'auto...) è sempre di molto superiore a ciò che poi si ottiene. La particolare applicazione di fusione fredda utilizzata nell'E-Cat è stata studiata e sviluppata dal fisico italiano Sergio Focardi a partire dal 1992.   Che cos'è la Fusione fredda? È la fusione tra atomi di metallo (nickel nell'E-Cat) e idrogeno ed è fredda perché avviene a bassa temperatura (da 40 a 1.000 °C) e pressione. È il contrario di quanto accade in natura nelle stelle o sulla Terra nei reattori a fusione sperimentali come l'Iter e il Nif, dove i processi di fusione avvengono a milioni di gradi e pressioni straordinarie.

La scienza mostrava eccessiva titubanza, ma adesso sono stati resi noti i risultati del segretissimo test di E-Cat, guidato dall'ingegnere italiano Andrea Rossi: l'esperimento è riuscito e il cliente che lo ha commissionato può dirsi soddisfatto. Con pochi grammi di nichel, idrogeno e il famoso "ingrediente segreto" Energy Catalyzer è riuscito a produrre in 5 ore di funzionamento autosufficiente 2,635 kWh per una potenza media di circa 470 kW. Siamo di fronte ad una nuova rivoluzione? Sembra di si. Adesso bisogna vedere se le lotte occulte tra i poteri industriali e finanziari renderanno libera e al servizio delle popolazioni questa nuova straordinaria invenzione.

http://www.youtube.com/watch?v=7sZHOQ6P-Rw&feature=player_embedded#!

Sab, 29/10/2011 - 22:15
Stampa