Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 26/03/2017 - 09:41
sei qui: Home > Cronaca > Omicidio Barnett, il 19 luglio appello per Restivo

Cronaca Mondo

INGHILTERRA

Omicidio Barnett, il 19 luglio appello per Restivo

Chiede sconto di pena ai giudici inglesi che lo hanno condannato all'ergastolo

di Redazione Basilicata24

Danilo Restivo Danilo Restivo

Il 41enne potentino si presenterà ai giudici di secondo grado della Corte d'appello inglese per chiedere una revisione della pena comminataglia per l'uccisione della sarta inglese Heather Barnett

I FATTI INGLESI- Heather Barnett fu trovata barbaramente mutilata, nel bagno della sua casa, dai due figli, il 12 novembre del 2002. Restivo conosceva la donna, all'epoca dei fatti sua vicina di casa a Bournemouth in Inghilterra. Con il ritrovamento dei resti di Elisa Claps, il 17 marzo 2010 nel sottotetto della Santissima Trinità di Potenza, il caso inglese ha preso una svolta. Gli inquirenti inglesi e italiani hanno lavorato a stretto contatto per far luce su entrambi gli omicidi che presentavano evidenti similitudini.

QUEL VIZIO DI TAGLIARE I CAPELLI ALLE DONNE- Danilo Restivo, sin da giovanissimo, aveva la mania di tagliare ciocche di capelli alle donne. Lo faceva in modo particolare sugli autobus. Sia sul cadavere di Heather Barnett che su quello di Elisa sono state trovate ciocche tagliate. Una firma, per gli iqnuirenti, che l'assassino ha lasciato sui corpi mutilati delle due vittime.

IL CASO CLAPS- Elisa Claps viene ritrovata il 17 marzo 2010, laddove sua madre, Filomena Iemma aveva sempre detto di cercare. I suo resti vengono scoperti,  nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. Il corpo martoriato della giovane è rimasto sempre in quel posto. Per diciassette lunghissimi anni. Il ritrovamento avviene con modalità tutt'ora poco chiare. Le indagini che ne conseguono consegnano l'assassino alla giustizia. Viene accertata la responsabilità di Restivo, l'ultimo a vedere Elisa quel 12 settembre 1993, giorno in cui la studentessa 16enne scomparve nel nulla. Dopo un processo celebrato con rito abbreviato l'uomo viene condannato dai giudici del tribunale di Salerno a 30 anni reclusione. Ma intanto è già stato condannato, alcuni mesi prima in Inghilterra, all'ergastolo, per l'omicidio di Hether Barnett.

UN CASO ANCORA APERTO- Se in Inghilterra Restivo si prepara al processo d'appello per la revisione della pena a cui è stato condannato per l'omicidio Barnett, in Italia il suo nuovo legale, l'avvocato Alfredo Bargi, ha fatto sapere che il caso Claps non è ancora chiuso. Che sono ancora molteplici gli aspetti da approfondire.

 

 

Sab, 16/06/2012 - 18:42
Stampa